Investire nel forex controllando la volatilità

Investire nel forex controllando la volatilità

Il concetto di volatilità si applica a qualsiasi tipo di investimento, anche se nel forex questa caratteristica è abbastanza accentuata. La volatilità no è altro che la propensione dei prezzi di un bene a fluttuare, aumentando o diminuendo. Il forex è un mercato aperto 24 ore al giorno, nel corso delle quali si hanno volatilità più o meno marcate, a volte dipendenti da particolari eventi, come ad esempio l’apertura dei mercati nelle diverse nazioni del mondo.

Quando si investe nel forex è importante imparare a considerare la volatilità, perché si tratta di una condizione sempre presente, che ci permette di guadagnare molto quando la sappiamo controllare o di perdere tutto quando avviene in modo imprevedibile.

I trend della volatilità

Spesso le fluttuazioni delle quotazioni dei cambi non avvengono in modo improvviso e randomico, ma seguendo un certo schema. Per questo la volatilità assume caratteristiche abbastanza precise. Si dice che la volatilità ha una certa persistenza quando nel corso della giornata mantiene lo stesso andamento, a volte ereditato dalla giornata precedente. In questi casi si può evidenziare una specie di trend della singola coppia di cambio, che ci permette di investire in un modo abbastanza preciso e molto remunerativo.

La regressione è invece la caratteristica che porta i valori di una quotazione a tendere verso uno specifico intervallo; se una quotazione raggiunge un massimo, o un minimo, storico, con buona probabilità nel corso di poche ore la volatilità porterà tale quotazione a tornare su valori più consoni ed abituali.

La ciclicità è un’altra importante caratteristica della volatilità: le fluttuazioni tendono ad avere una configurazione ciclica, con picchi che corrispondono a particolari eventi, giorni della settimana, periodi dell’anno. Questa è una delle caratteristiche più marcate della volatilità, tanto che varie strategie vincenti si basano proprio sulla ciclicità delle fluttuazioni.

Prevedere la volatilità

Le caratteristiche delle fluttuazioni di una quotazione hanno delle connotazioni che possono essere prevedibili. Questo solo se si è degli esperti del settore e si impara ad osservare un ristretto numero di asset. Questo principio guida moltissimi investitori, che tendono a specializzarsi in pochissimi asset; nel caso del mercato forex questo atteggiamento si traduce nell’abitudine ad investire su un ristretto numero di coppie di valute.

Quando si riescono ad interpretare al meglio gli eventi quotidiani si può anche effettuare una corretta previsione delle fluttuazioni, che consente di guadagnare in modo regolare dai nostri investimenti. Per quanto riguarda il forex questo atteggiamento consiste nell’osservare i grafici delle quotazioni e nel mantenersi aggiornati sugli eventi mondiali. Ci sono infatti vari segnali che ci possono indicare la persistenza della volatilità, l’avvicinarsi della fine o dell’inizio di un ciclo, la prossimità a valori che portano alla regressione verso l’intervallo più consono ad una certa quotazione.

Per poter guadagnare con il forex si deve riuscire ad osservare il mercato mantenendo costante l’attenzione su questi eventi. Anche perché sono i momenti di massima volatilità quelli che permettono di effettuare un maggior numero di investimenti fruttuosi, ma solo se si riescono a comprendere i trend del mercato.

Share This Post

Post Comment